WEEKEND A VENEZIA

INDICE DEI CONTENUTI:

Cantata e celebrata dai poeti, la città dei Dogi è avvolta da un’aura quasi magica, che si respira tra le calli, i canali, i ponti, in ogni angolo, in ogni dove. Un’atmosfera da rendere unico un Weekend a Venezia!

Se a Venezia non ti perdi in certi vicoli stretti, ti emozioni solo a metà

Periodo: Weekend di febbraio, a ridosso del Carnevale

Volo:  last minute, andata e ritorno con easyJet (16 €).
Costo totale da Napoli (Capodichino) – Venezia (Marco Polo): circa 32 €

Itinerario: 

Venerdì: arrivo in serata a Venezia

Sabato: VENEZIA

Domenica: BURANO

Panorama di Venezia con Gondole

DALL’AEROPORTO AL CENTRO DI VENEZIA

Il mezzo più rapido ed economico per raggiungere Venezia dall’aeroporto “Marco Polo” è il bus.

Il capolinea degli autobus è Venezia Piazzale Roma, non a caso chiamato anche “piazzale delle corriere”. Il più veloce e comodo è sicuramente Express Bus ATVO: collegamento diretto in 17 minuti dall’aeroporto a Piazzale Roma, senza fermate intermedie, presta servizio fino all’arrivo dell’ultimo volo della sera.

Una volta giunti a Piazzale Roma, dovrete raggiungere il centro cambiando necessariamente mezzo da uno su strada ad uno su acqua. Non lasciatevi ingannare da questo cambio mezzo: da Piazzale Roma partono tutte le linee di navigazione urbana ACTV per arrivare davvero a pochi metri dal vostro alloggio!

DOVE ALLOGGIARE A VENEZIA? 

Ho soggiornato nella zona di Cannaregio in Calle Venier, posto adatto per stare a Venezia poiché non distante dalla stazione e da Piazzale Roma dove si trova il capolinea degli autobus. Quartiere adatto se si vuole stare un po’ lontani dal caos ma comunque vicino ai luoghi di interesse, si può arrivare al Canal grande con una mezz’ora di camminata.

Canal grande Venezia

COME MUOVERSI A VENEZIA? 

Il modo migliore di muoversi a Venezia è camminare molto e non usare vaporetti se non in caso di reale necessità, come nel mio per andare a Burano. Il prezzo dei vaporetti è comunque altissimo e gli abbonamenti per turisti costituiscono un risparmio apparente. Il mio consiglio è quello di organizzare itinerari pedonali nel centro, Venezia si gira comodamente a piedi e sarà emozionante perdersi in qualche vicoletto!

GUSTARE UN CICHETO IN OSTERIA

Arrivata a Venezia, dopo qualche giro tra calli, piccole stradine nelle quali è difficile anche passarci in due, inizio degnamente il weekend nella città lagunare cenando in una tipica osteria da Bakarò, locale molto accogliente con tavoli sia all’interno che all’esterno,per godersi l’atmosfera di Venezia, grande selezione di vini al calice o in bottiglia e birre da accompagnare ad ottimi cicheti.

Canal grande Venezia

ACQUA ALTA…CAMPI E CALLE!

Il mio sabato mattina inizia con una bella sorpresa: l’acqua alta a Venezia, paesaggio magico ed unico.
È d’obbligo l’acquisto di un paio di stivali copri scarpa tascabili e poi può iniziare la passeggiata che mi porterà a scoprire questa incantevole città!

Il mio consiglio è di perdersi tra i “campi” di Venezia che sono delle piazze storiche, spesso abbellite al centro da monumenti di pregio e dominate da imponenti e splendidi edifici religiosi, da cui prendono il nome. Le vie, invece, qui si chiamano calli, il singolare è “calle”, si snodano tra due file continue di edifici. I veneziani dicono che il modo migliore per conoscere la loro meravigliosa città è quello di imboccare una calle e di camminare con il naso all’insù, osservando tutto quello che si presenterà davanti… Senza guida, senza cartina e senza paura di perdersi, perché come per incanto, si arriverà comunque sempre a piazza San Marco!

Canal grande Venezia

CANAL GRANDE

Dopo essermi piacevolmente persa tra le calli di Venezia, finalmente giungo al Ponte dell’Accademia. Da questo ponte di legno e di metallo inizia generalmente la vacanza di quasi tutti coloro che arrivano nella città lagunare.

Da qui è possibile godere di una vista strepitosa: il Canal Grande la “strada” principale della città! Lungo circa 4 km, il Canale divide in due il centro storico della città, rappresenta l’arteria principale dei trasporti di persone e merci.

Battelli, gondole, vaporetti e barche popolano senza sosta questa via d’acqua. Gli edifici che si affacciano sul Canal Grande sembrano lì per essere fotografati e guardati con riverenza e ammirazione; l’armonia delle linee architettoniche e le piccole calli che si diramano rendono questa città incredibilmente misteriosa. Da restarne incantati!

Canal grande Venezia

CAMMINARE SULLE PASSERELLE IN PIAZZA SAN MARCO

Piazza San Marco è il cuore di Venezia. È lunga 180 e larga 70 metri ed è l’unica “piazza” di Venezia, dato che la città ha soltanto campi e campielli.

Piazza San Marco è l’area più bassa di Venezia, per questo motivo è la prima zona che si inonda con l’acqua alta. In questi casi, il comune di Venezia installa delle passerelle, per consentire il regolare transito dei pedoni. Se siete fortunati, potrete vedere la piazza piena d’acqua!

Gli edifici più importanti della piazza sono: la Basilica di San Marco, il Palazzo Ducale, il Campanile e la Torre dell’Orologio.

Piazza San Marco passerelle Venezia

PONTE DEI SOSPIRI

I ponti di Venezia sono 354 ma il Ponte dei Sospiri è sicuramente quello che affascina di più e che ha determinato diverse storie sull’origine del suo nome.

Non tutti sanno che i sospiri ai quali si fa riferimento non sono quelli languidi degli innamorati che passano sotto al ponte a bordo di una gondola, giurandosi amore eterno.

Al contrario, sono quelli dei condannati che, portati nelle vicine carceri, quando si volgevano per l’ultima volta verso la città sospiravano, presi dallo sconforto.

Passare sul Ponte dei Sospiri è possibile e vi si accede dal Palazzo Ducale, più precisamente dalle prigioni poste nei sotterranei dell’edificio. Nelle varie celle è ancora oggi possibile leggere la frustrazione e la tristezza dei prigionieri (politici o per reati più o meno gravi) che scontavano le loro pene in quegli angusti, umidi e freddi luoghi.

Canal grande Venezia

IL PONTE DI RIALTO

Il Ponte di Rialto è uno dei più antichi e conosciuti ponti della città lagunare che attraversa il Canal Grande con i suoi archi e la sua eleganza. Di mattina presto si può assistere al riprendere di tutte le attività commerciali su acqua e il lento risveglio di veneziani e turisti.

Nel 1593 la struttura che possiamo ammirare oggi sostituì l’antico ponte costruito con barche e che per anni permise il passaggio verso il mercato di Rialto. Ora sul ponte ci sono delle piccole casette di legno che fanno scoprire i tipici odori, sapori e souvenir di Venezia.

Canal grande Venezia

MASCHERE VENEZIANE

Il Carnevale di Venezia è universalmente conosciuto come uno dei più antichi e affascinanti. In origine questa festa era riconosciuta dalla Repubblica come un momento fondamentale della vita cittadina. Il Carnevale era una valvola di sfogo necessaria per calmare le tensioni del popolo. Ogni persona, indossando una maschera, poteva permettersi comportamenti altrimenti proibiti. Si poteva deridere l’autorità delle istituzioni, della curia e dell’aristocrazia. Insomma, per un periodo all’anno le distinzioni sociali cessavano di esistere e tutto, o quasi, era concesso.

Ecco alcune maschere:

LIBRERIA ACQUA ALTA

Una delle librerie più belle del mondo si trova in un angolo particolare di Venezia, distante dai flussi turistici la particolarità non è comunque il luogo dove si trova, bensì come il proprietario l’ha concepita.

Considerato che quando l’Acqua alta supera i 110 cm,questa entra dalla porta principale che si trova sul canale e non solo, per questo il proprietario si è attrezzato con una serie di elementi che possono galleggiare, una Gondola, una barca in disuso ed addirittura una vasca da bagno, tutte le cose galleggianti completamente sovrastate da libri, libri di ogni genere: libri su Venezia, libri di avventura, libri gialli, anche nei due corridoi si trovano vecchie enciclopedie ormai sorpassate, ma che fungono da scala per vedere oltre il muro di cinta che butta sul canale adiacente, o si inerpicano verticalmente sui muri scrostati.

Le immagini parlano da sole…

APERITIVO VENEZIANO

Venezia e il Veneto sono patria dello Spritz!

Quindi non c’è niente di meglio che chiudere il sabato a Venezia gustandosi un aperitivo sorseggiando uno Spritz e gustando i “cicheti”, tipici antipasti veneziani con verdure, seppie o altri pesci, formaggi, affettati e frittura. Un ottimo modo per terminare una lunga giornata di giri turistici!

Aperitivo veneziano Spritz salumi

UN ULTIMO SGUARDO SU VENEZIA…

2020-03-23T08:05:55+00:00

INVIA L'ARTICOLO AI TUOI COMPAGNI DI VIAGGIO ►

Scrivi un commento

Torna in cima